Welfare

La leva competitiva del Welfare nelle PMI torinesi

 

Negli ultimi anni al welfare pubblico si sono integrate varie opzioni di welfare privato, per sopperire alle crescenti difficoltà dei sistemi di protezione sociale, sempre più stretti nella morsa di risorse pubbliche calanti e di bisogni crescenti.
Oltre alla sua valenza sociale, il welfare oggi si pone come nuovo elemento significativo per la competitività delle imprese, mitigando il costo del lavoro a carico delle stesse. La sua centralità risiede nella necessità per le imprese di coniugare politiche retributive adeguate a politiche di contenimento dei costi, quest’ultime dettate da condizioni di mercato sempre più stringenti.

Per primo il legislatore ha introdotto con la Legge n. 208/2015 e la Legge n. 232/2016 (Legge di Stabilità 2016 e 2017) provvedimenti specificatamente atti a potenziare il welfare aziendale, prevedendo la completa deducibilità dei premi di produttività erogati sotto forma di welfare (prestazioni e servizi ai lavoratori). In questo modo si permette alle imprese di contenere il costo del lavoro e ai lavoratori di accedere a prestazioni e servizi il cui valore economico non concorre alla formazione del reddito, aumentandone il potere d’acquisto.
In questo contesto si colloca e integra il welfare contrattuale, previsto dalla bilateralità introdotta nei Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro, che prevede misure di protezione sociale rivolte a milioni di lavoratori, garantendo al contempo la produttività aziendale in una logica win-win.



Le prestazioni e i servizi erogati trasversalmente da tutti gli enti bilaterali territoriali del sistema bilaterale per la PMI sono riconducibili, in linea di massima, ai seguenti ambiti principali:
• sostegno alle politiche del lavoro;
• formazione;
• salute e sicurezza: attraverso gli organismi paritetici dedicati;
• monitoraggio, informazione e osservazione del mercato del lavoro.



Nell’ambito delle iniziative di valorizzazione del ruolo e delle prestazioni previste dagli Enti Bilaterali di EBM ed ENFEA, API Torino ha istituito uno Sportello dedicato che supporta le imprese nell’accesso alle molteplici prestazioni previste dalla Contrattazione Collettiva Nazionale, anche guidandole nelle procedure di attivazione.

Riferimenti e contatti
Valeria Data (Responsabile Servizio Previdenziale API Torino)
Angelo Sivera (Area Lavoro API Torino)

Telefono: 011 4513.223/248
e-mail: unionmeccanica.ebm@apitorino.it



 
11 maggio 2018 - PMI e bilateralità

11 maggio 2018 - La bilateralità per i metalmeccanici

14 maggio 2018 - Rappresentanza, contrattazione, Welfare

17 ottobre 2018 - Fondo Sanitario EBM Salute - EBM


Ai fini della massima diffusione delle pratiche di Welfare, sono state previste ulteriori iniziative in aggiunta ai convegni e agli incontri rivolti direttamente alle imprese.
In particolare, in occasione di seminari e attività convegnistiche organizzate dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro, sono stati concordati interventi di apertura da parte di Responsabili dell’Associazione e dei referenti dello Sportello, volti a sensibilizzare la platea di consulenti del Lavoro sul tema del Welfare Aziendale.





  
contatta la redazione

Dai servizi

04/12/2018  -  Relazioni Internazionali

A&T - Automation & Testing

27/11/2018  -  Fiscale e Tributario

Iper e super ammortamento

16/11/2018  -  Previdenziale

INPS

14/11/2018  -  Relazioni Internazionali

Nuove nomenclature doganali

14/11/2018  -  Area Innovazione

Poli di innovazione, prime anticipazioni

13/11/2018  -  Fiscale e Tributario

Fatturazione differita

13/11/2018  -  Tecnico

Marcatura CE sulle apparecchiature radio

x

Contatta la Redazione


Ragione sociale*
Partita IVA
Nome*
Cognome*
Indirizzo
Località
Email*
Telefono*
Cellulare*
Messaggio: *